Loading...

Le imprese in vetrina

Gli amici del grande scenografo scomparso lo scorso dicembre. lo hanno ricordato con spettacoli e mostre, insieme a Cna

Gino Pellegrini, da Hollywood a San Giovanni in Persiceto

Intervista a Cinzia Barbieri Segretario Cna Bologna

Ha lavorato ad Hollywood alle scenografie di “2001 Odissea nello Spazio” di Kubrick, di “Gli Uccelli” di Hitchcock, di “Mary Poppins” e tanti altri capolavori. Tornato in Italia, a San Giovanni in Persiceto, pur essendo vicentino d’origine, ha curato scenografie televisive e teatrali come il “Gran Paese Varietà” e il “Puccini comic music show”. E ha intensificato la ricerca e la sperimentazione artistica, dedicandosi con passione a performances pittoriche “in diretta” su spazi di grandi dimensioni, in piazze e in teatri. Uno dei suoi lavori più celebri è la Piazza Betlemme, a San Giovanni in Persiceto, divenuto ormai un caso che ha fatto storia in Italia: la riqualificazione di uno spazio dimesso grazie alla pittura, la trasformazione di pareti malandate in una grande opera d’arte realizzata in tre momenti: nel 1982 la prima edizione, poi proseguita nel 1987, quindi ripresa e terminata nel 1997. Tutto questo e molto altro era Gino Pellegrini. Dopo la sua scomparsa improvvisa, lo scorso dicembre, a San Giovanni in Persiceto si è costituito un comitato di amici che insieme al Comune di San Giovanni in Persiceto e al sostegno di Cna Bologna, Coop Adriatica, Camst e Maglio Editore, si è impegnato per tenere vivo il suo ricordo e il suo lavoro artistico. Il primo risultato di questo impegno è un’iniziativa che è svolta sabato 4 luglio e ovviamente non poteva che svolgersi Piazza Betlemme: “Serata in Piazza Betlemme” condotta da Patrizio Roversi e Syusy Blady con Eros Drusiani, Luciano Manzalini, Ivano Marescotti, Tita Ruggeri e Vito, con la musica di Vittorio Bonetti e la regia di Daniele Sala. In pratica il Gran Pavese quasi al completo e tanti altri artisti che hanno recitato con le scenografie di Gino Pellegrini. La “Serata in Piazza Betlemme” non è stato l’unico evento in programma sabato 4 luglio. Nella chiesa di Sant’Apollinare di San Giovanni in Persiceto inaugurata la mostra fotografica “Gino visto da Luciano Bovina”, che proseguirà fino al 31 luglio, aperta il venerdì, il sabato e la domenica dalle ore 19 alle ore 22. Il catalogo della mostra con le foto di Luciano Bovina e il testo di Maurizio Garuti è edito da Maglio Editore. Sempre sabato 4 luglio dalle 19 alle 22 nella Sala Zavattini il pubblico ha potuto vedere “Gino al lavoro” nelle foto di Arnaldo Pettazzoni, Loris Fontana e Wolfango Horn. Accanto a un bel corpus di bianchi e neri di Arnaldo Pettazzoni e a quelle recenti di Loris Fontana sono state inserite anche foto relative alle precedenti piazzette che rimandano ai rispettivi volumi. Oltre ad alcuni manifesti “storici”, sono esposti anche quattro importanti “relicti” pittorici delle piazzette gentilmente prestati. Il Comitato “Per Gino” è composto da quindici persone, che hanno seguito la sua vicenda umana e artistica come amministratori, come artisti, come amici e hanno voluto organizzare un omaggio a Gino Pellegrini, “un artista molto persicetano che si ritrovò americano pur essendo veneto”. Partendo proprio da Piazza Betlemme, “una storia d’arte e di cinema”.

Piazzetta Betlemme a San Giovanni in Persiceto Bologna
Piazzetta Betlemme a San Giovanni in Persiceto Bologna
Gino Pellegrini
Gino Pellegrini

Come scrive Maurizio Garuti “il primo travestimento della piazzetta conferisce al luogo il rango architettonico e l’eleganza che non ha mai avuto. Pennellata dopo pennellata, verità e finzione giocano tra loro. I residenti sposano l’operazione, suggeriscono trovate e abbellimenti. Intonaci cadenti vengono trasformati in pareti di nobili palazzi. Compaiono dal nulla edere e glicini lussureggianti. Crepe vere sono riscattate e confuse fra crepe di vernice, finti panni stesi offrono un alibi decoroso a quelli autentici. Non siamo più in uno slargo disadorno, quello che abbiamo intorno è una specie di atelier cinematografico. Dopo il primo intervento del 1982, Pellegrini tra il 1987 e il 1992 crea il secondo travestimento della piazzetta. E’ il ciclo pittorico ispirato alla poetica di Cesare Zavattini, che appare in persona, emergendo da un paesaggio padano”. Nel 1997 altro ciclo pittorico e nuova invenzione: ora sono animali e vegetali a invadere le pareti in un tripudio di forme e di colori. Pellegrini oltre che grande artista fu anche grande maestro, si impegnò in corsi di formazione professionale, avviò stages nelle scuole elementari con bambini e maestre. Anche per questa ragione la Cna di Bologna si è impegnata con passione in questa iniziativa, che vuole valorizzare il lavoro di Gino Pellegrini: non solo perché è stato uno dei suoi associati più illustri, ma anche perché il maestro collaborò negli anni ’80 con Ecipar, l’ente di formazione di Cna. Ecipar nel 1984 organizzò con docente Gino Pellegrini un corso rivolto ai giovani che volevano avviarsi alla professione di decoratore. Inoltre, sempre con Pellegrini, Ecipar Cna organizzò un corso di aggiornamento serale rivolto a imbianchini decoratori su tecniche antiche e moderne di decorazione pittorica che, come lavoro finale, produsse quel capolavoro tuttora visibile che è la facciata del Molino Tamburi a San Giovanni in Persiceto. Infine Pellegrini creò anche scenografie per la manifestazione di Cna Bologna Regali a Palazzo. Anche con questa iniziativa dedicata a Pellegrini Cna Bologna vuole celebrare il settantesimo dalla sua nascita, avvenuta nel 1945.Tutta l’avventura umana e artistica di Gino Pellegrini su http://www.ginopellegrini.it, per ammirare Piazza Betlemme on line http://www.piazzettabetlemme.it